PASSIONE 58 70, il mondo A112 Abarth a livello professionale: ricambi, compravendite, motori, restauri e consulenze.

Evoluzione dettagliata

Vuoi conoscere le caratteristiche che connotavano ciascuna delle sette serie in cui è stata prodotta la A112 Abarth, dal 1971 al 1984?

Eccole qui. Buona lettura!

Autobianchi A112 Abarth prima serie

a112-abarth-1serieLa prima serie è stata prodotta dall’estate del 1971 al febbraio 1973 in 4.641 esemplari.

Inizialmente solo rossi con cofano ed altri dettagli neri, verso fine produzione anche in versione monocromatica salmone o visone. I paraurti sono in metallo cromato, come metallica è la calandra anteriore. Non sono previsti cerchi in lega, neppure come optional.

In tutti i casi gli interni sono in similpelle nera, ed i sedili anteriori hanno i poggiatesta integrati. La plancia è metallica, con tre piccoli strumenti supplementari disposti orizzontalmente.

La cilindrata è di 982 cc per una potenza massima di 58 hp e 150 km/h di velocità massima. I primi esemplari sono privi di radiatore olio, dotati di dinamo e di una coppia finale più corta. Durante il pur breve periodo di produzione vennero introdotte diverse modifiche.

Oggi la prima serie è la più ambita dai collezionisti. Ne sopravvivono pochi esemplari, ed il corretto restauro può presentare diverse difficoltà. Per questo motivo gli esemplari perfetti, più vecchi o in colori rari spuntano quotazioni elevate, che però decrescono rapidamente se queste condizioni non sono soddisfatte.
L’analisi di questa serie richiede conoscenze storiche approfondite.

Vuoi saperne di più? Leggi la Scheda completa della prima serie.
Cerchi dei ricambi? Ecco i nostri ricambi per le A112 Abarth prima serie.

 

Autobianchi A112 Abarth seconda serie

0011_A112_02_big

La seconda serie è stata prodotta dal marzo 1973 a inizio estate 1974 in 13.759 esemplari.

La gran parte sono rosse col solo cofano nero, ma non mancano gli esemplari monocromatici salmone e visone, ai quali si aggiunge il più raro blu scuro.

Gli interni delle rosse sono in finta pelle interamene nera, con gli appoggiatesta regolabili. Le altre tinte sono abbinate a selleria con parti in tessuto scozzese, pannelli colorati e moquette in tessuto. La calandra anteriore, come altri componenti esterni, è in plastica nera.

I paraurti sono in gomma, gli strumenti supplementari in posizione verticale e vengono resi disponibili come optional i cerchi in magnesio Cromodora.

Oggi la seconda serie, pur non rarissima, è di buon rilievo collezionistico e suscita un discreto interesse. Le molte in tinta rossa sono di relativamente facile restauro, al contrario gli interni delle monocromatiche possono creare difficoltà per l’indisponibilità dei materiali nei colori corretti.
E’ un buon compromesso tra rilevanza storica e semplicità di gestione.

Vuoi saperne di più? Leggi la Scheda completa della seconda serie.
Cerchi dei ricambi? Ecco i nostri ricambi per le A112 Abarth seconda serie.

 

Autobianchi A112 Abarth terza serie

A112 abarth 3 serie prova FittipaldiLa terza serie è rimasta in produzione per circa tre anni, da fine 1974 a fine 1977, per un totale di circa 29.000 esemplari. Caratterizzata dal debutto del motore di 1050 cc per 70HP, nei primi mesi rimase disponibile anche la versione col propulsore precedente di 982 cc, denominata appunto 58HP. Pochi elementi esterni la distinguono dalla serie precedente, in particolare i gruppi ottici posteriori e gli sfoghi aria sui montanti posteriori, entrambi di maggiori dimensioni.

La gamma colori di questa serie è molto vasta includendo anche tre tinte metallizzate, ed ancor più gli abbinamenti con gli interni, davvero numerosissimi. Solo i tre colori “sportivi” (rosso corsa, verde pampa e blu Bahamas) prevedono cofano nero, interni in finta pelle nera e tappeto in gomma. Il volante delle 70HP è a due razze, e gli strumenti supplementari ritornano in posizione orizzontale. I cerchi in lega opzionali sono ancora i già noti Cromodora.

La terza serie segna il debutto (nel 1977) del noto Trofeo A112 Abarth 70 HP e per questo è molto ambita, oltre che per le più brillanti prestazioni rispetto alle serie precedenti.

La versione 70HP in rosso corsa è uno dei classici, sempre molto apprezzato anche per la semplicità del restauro. Non così alcuni altri colori, che possono creare qualche problema coi tessuti ed la finta pelle colorata.

Vuoi saperne di più? Leggi la Scheda completa della terza serie.
Cerchi dei ricambi? Ecco i nostri ricambi per le A112 Abarth terza serie.

 

Autobianchi A112 Abarth quarta serie

a112-abarth-4serie-postLa quarta serie è stata prodotta solo per 18 mesi, da inizio 1978 a metà 1979, in circa 26.000 esemplari. Viene definita la capostipite dei “telai B” perché si differenzia sensibilmente dalle tre serie (telai “A”) precedenti.

Esternamente si riconosce per il bordo del tetto squadrato e per la vistosa gobba sul cofano motore. La calandra, i gruppi ottici posteriori e tutta la componentistica esterna è specifica per questa serie soltanto. Gli interni vendono una plancia più massiccia e totalmente rinnovata, con due sportellini, strumentazione di forma squadrata con il tris di strumenti aggiuntivi spostato in basso.

I pannelli e la selleria sono unificati nel solo colore beige, con inserti in velluto in tre diverse tonalità. Tutte le plastiche interne sono color marrone. Il cambio è ancora a 4 marce ma viene eliminato il servofreno a depressione. Ai cerchi in lega già in uso se ne aggiunge una nuova versione, entrambi opzionali al pari del tergilunotto.

Questa serie, centrale rispetto all’evoluzione del modello, è stata a lungo poco considerata dai collezionisti, prima concentrati solo sulle serie precedenti. Negli ultimi anni ha goduto di una sensibile rivalutazione sia storica che economica. Per gli esemplari non conformi potrebbero presentarsi notevoli difficoltà a reperire la componentistica corretta, specifica per questa serie. Ciò influisce sensibilmente sulle quotazioni, sia in senso positivo che negativo.

Vuoi saperne di più? Leggi la Scheda completa della quarta serie.
Cerchi dei ricambi? Ecco i nostri ricambi per le A112 Abarth quarta serie.

 

Autobianchi A112 Abarth quinta serie

a112-abarth-5serie-antLa quinta serie è la più longeva in assoluto, prodotta dall’estate 1979 sino all’autunno del 1982, in circa 33.000 esemplari, negli ultimi sei mesi in versione “maquillage 1982”. Evoluzione tecnica ed estetica della serie precedente, adotta il cambio a 5 marce e l’accensione elettronica.

Esteriormente si identifica per l’adozione di codolini in plastica sui passaruota e per un grande fascione in plastica nero che ingloba le luci e la targa posteriore. La calandra anteriore è composta da due parti ed il paraurti anteriore è predisposto per le nuove targhe più grandi. I cerchi in lega opzionali sono ora solamente in alluminio, mentre il tergilunotto è di serie. All’interno domina il nero per plancia, pannelli e selleria. Di serie la panchetta posteriore sdoppiata.

Data la grande diffusione questa serie è facilmente reperibile, anche a prezzi contenuti. Non presenta grosse difficoltà per il restauro e la quinta marcia la rende gradevolemente fruibile. Nel classico colore rosso corsa rappresenta forse la combinazione più comune in assoluto.

Vuoi saperne di più? Leggi la Scheda completa della quinta serie .
Cerchi dei ricambi? Ecco i nostri ricambi per le A112 Abarth quinta serie.

 

Autobianchi A112 Abarth sesta serie

a112-abarth-7serieLa sesta serie è stata prodotta in circa 10.000 esemplari, tra l’autunno del 1982 e la primavera del 1984.

Sobria evoluzione della serie precedente, presenta grandi paraurti lisci che caratterizzano il frontale e la coda e fasce antiurto laterali più basse e sottili.

I gruppi ottici posteriori si allungano verso la fiancata e la calandra anteriore è lineare e sottile. I cerchi in ferro di serie presentano una inusitata calottina centrale in plastica, mentre i cerchi opzionali in lega di alluminio mostrano un nuovo disegno a 8 razze detto “margherita”.

Gli interni sono in prevalenza neri, ma con una finta pelle lavorata e nuovi tessuti chiari per le fasce centrali dei sedili. Gli anteriori si ribaltano interamente, con un nuovo più agevole meccanismo. La panca posteriore è sdoppiata solo a richiesta.

Elegante e poco appariscente, fa tuttora fatica ad attrarre le attenzioni dei collezionisti che la ritengono poco connotata sportivamente. Qualche difficoltà di restauro solo per gli interni. E’ la serie più abbordabile economicamente, almeno per il momento.

 

Vuoi saperne di più? Leggi la Scheda completa della sesta serie.
Cerchi dei ricambi? Ecco i nostri ricambi per le A112 Abarth sesta serie.

 

Autobianchi A112 Abarth settima serie

A112 abarth 7 serie RLa settima serie ebbe vita brevissima: solo gli ultimi nove mesi del 1984, per circa 5.200 esemplari in totale, molti dei quali vennero esportati.

Ultima evoluzione del modello, è carica di interventi estetici che la rendono inconfondibile: faretti supplementari, una grande fascia rossa riflettente in coda, strisce colorate sulla fiancate, vetri bronzati, antenna di serie, plancia e strumentazione specifica, tessuti dei sedili dedicati ed altro ancora.

La gamma colori presenta tonalità inedite, molte di queste metallizzate e gradite dalla clientela. Tra gli optional il tetto apribile in vetro e le cinture rosse, oltre ai cerchi in alluminio “margherita”.

Inizialmente considerata troppo appariscente ed appesantita esteticamente, negli ultimi tempo ha attratto l’interesse dei collezionisti per la sua rarità ed anche per le sue caratteristiche uniche nella storia del modello. Le quotazioni ne hanno risentito al rialzo anche se il restauro, proprio per i motivi citati, trova più di una difficoltà nel reperimento dei particolari corretti.

Vuoi saperne di più? Leggi la Scheda completa della settima serie.
Cerchi dei ricambi? Ecco i nostri ricambi per le A112 Abarth settima serie.